Consultia Grup
Totul despre DECLARATIA DE VALOARE. Consulatul Italiei

Importante: Questo sito web è di proprietà esclusiva della Società Commerciale Consultia Grup S.R.L. e non non ha alcun legame con la Rappresentanza Consolare dell’Ambasciata d’Italia in Romania né rappresenta in alcun modo la posizione della stessa. La richiesta dei nostri servizi di consulenza e assistenza a pagamento per la preparazione del fascicolo di domanda di dichiarazione di valore è una libera scelta dei sollecitanti.
home / dichiarazione di valore

Che cos’è la Dichiarazione di Valore?
Chi rilascia la dichiarazione di valore?
Situazioni per cui è richiesta la Dichiarazione di Valore:
- RICONOSCIMENTO ACCADEMICO
- RICONOSCIMENTO PROFESSIONALE
I documenti occorrenti per i cittadini romeni
I documenti occorrenti per i cittadini della Rep. di Moldova
L’iter burocratico da espletare per l’ottenimento
della Dichiarazione di Valore

Atti ammessi alla convalidazione dal C.N.R.E.D.
Atti necessari alla convalidazione dei titoli di studio dal C.N.R.E.D.
Programmazione sull’internet - servizio disponibile anche per i cittadini della Rep. di Moldova

Che cos’è la Dichiarazione di Valore?

I titoli di studio conseguiti in Romania e legalizzati ai sensi della Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961 sono riconosciuti come tali in altri Paesi membri Aja, però, per quanto concerne l’Italia si richiede una procedura supplementare da compiere solamente per il tramite della Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia a Bucarest. In quanto i titoli di studio romeni non sono automaticamente riconosciuti in Italia, risulta necessario ottenere un documento chiamato “Dichiarazione di Valore”. Mediante tale documento, viene accertato il valore locale del titolo di studio (i diritti derivanti in seguito all’ottenimento del titolo di studio nel paese in cui è stato conseguito), contestualmente all’inesistenza di limitazioni di tipo professionale per l’esercizio di tale attività.
Nella dichiarazione di valore sono riportati i seguenti dati:

  1. cognome, nome, data e luogo di nascita del titolare
  2. istituzione sotto la cui autorità è stato rilasciato il titolo di studio
  3. data di rilascio del titolo
  4. numero di registrazione
  5. istituto d’istruzione presso il quale sono stati ultimati o frequentati i corsi
  6. campo, specializzazione, indirizzo
  7. durata del ciclo di studio
  8. media generale dell’esame finale
  9. sistema di votazione vigente nell’ordinamento scolastico nazionale
  10. professione abilitante all’esercizio, in seguito al compimento degli studi

Inoltre, la "Dichiarazione di Valore" indica brevi descrizioni dell’ordinamento scolastico nazionale a norma della Legge dell’Insegnamento del 24 luglio 1995, n. 84.
Specimen DICHIARAZIONE DI VALORE
specimen declaratie de valoare
▪ La durata necessaria al rilascio di una dichiarazione di valore è di 8 (otto) giorni dalla data di consegna della documentazione presso la Cancelleria Consolare.
▪ I documenti vengono consegnati ogni lunedì (eccetto i giorni festivi) alle ore 10:00 e vengono rilasciati il martedì della settimana successiva alle ore 12:00.
▪ La tassa di rilascio di una Dichiarazione di Valore è attualmente di 1.120.000 lei (30,99 euro).
▪ Verrà rilasciata una dichiarazione di valore per ogni titolo di studio presentato.
▪ Non fanno l’oggetto della tassazione gli allegati dei titoli di studio (per esempio: Risultati all’Esame di Laurea e Pagelle Scolastiche nei casi dei diplomi accademici) oppure altri documenti che non rappresentano titoli di studio (Piano d’Insegnamento, Situazione Scolastica, Programmi dei corsi ecc.)
▪ Per consegnare la documentazione in vista dell’ottenimento della dichiarazione di valore, raccomandiamo la presenza del titolare dei titoli di studio.
▪ La dichiarazione di valore può essere ritirata da un mandatario se il titolare dei titoli di studio dimostra di risiedere ufficialmente in un altro Paese diverso dalla Romania oppure dimostra che la sua assenza è dovuta ad impedimenti di altra natura, mediante esibizione di documenti comprovanti. In tale caso, il mandatario presenterà al funzionario della Cancelleria Consolare una fotocopia (consigliamo che tale copia sia legalizzata) del documento attestante la residenza del titolare e una delega legalizzata dal notaio.
▪ Il mandatario presenterà la documentazione idonea per non più di una persona anche se mediante la procura in questione vengono conferiti poteri a più persone.
Nell’espletamento della pratica, alcuni dettagli dovranno essere esaminati con maggiore cautela, per non rischiare il diniego della documentazione da parte dei consolati italiani ed implicitamente l’impossibilità di ottenere un’altra programmazione.
Per tale ragione potete contattare i nostri periti che sono in gradi di analizzare nei minuti dettagli la completezza della documentazione richiesta e la correttezza dei dati iscritti nei documenti originali e nelle traduzioni, in base ad un numero assai grande di criteri, verificati attentamente lungo il tempo.

Chi rilascia la “Dichiarazione di Valore”?
(le differenze tra la Cancelleria Consolare di Bucarest
ed il Consolato Generale di Timisoara)

In Romania, la “Dichiarazione di valore” si può ottenere in seguito ad una programmazione presso la Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia a Bucarest oppure presso il Consolato Generale di Timisoara.
Presso la Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia di Bucarest, possono presentarsi i cittadini romeni che risiedono attualmente o hanno risieduto a Bucarest oppure nei distretti: Arges, Bacau, Botosani, Braila, Brasov, Buzau, Calarasi, Constanta, Covasna, Dambovita, Dolj, Galati, Giurgiu, Gorj, Harghita, Ialomita, Iasi, Ilfov, Mehedinti, Neamt, Olt, Prahova, Suceava, Teleorman, Tulcea, Vaslui, Valcea, Vrancea. Sempre qui, possono presentarsi i cittadini della Repubblica di Moldova ed i cittadini romeni residenti all’estero nel cui passaporto è indicato il domicilio italiano o romeno (evidentemente in uno dei distretti succitati) oppure coloro che hanno già ottenuto la cittadinanza italiana e, inoltre, altre categorie di cittadini stranieri (all’eccezione di quelle summenzionate).
Presso il Consolato Generale di Timisoara, possono presentarsi i cittadini domiciliati nei distretti Alba, Arad, Bihor, Bistrita, Caras Severin, Cluj, Hunedoara, Salaj, Satu Mare, Sibiu, Maramures, Mures, Timis, i cittadini romeni residenti all’estero e nel cui passaporto è indicato l’indirizzo italiano o quello romeno (evidentemente, in uno dei distretti attinenti al Consolato Generale di Timisoara) oppure coloro che hanno ottenuto la cittadinanza italiana.

Situazioni per cui è richiesta la Dichiarazione di Valore

La Dichiarazione di Valore è necessaria all’ottenimento
- del riconoscimento accademico del titolo di studio
- riconoscimento professionale

Riconoscimento accademico


Delucidazioni a carattere informativo concernenti il riconoscimento accademico del titolo di studio rilasciato da un’università romena

Il riconoscimento accademico rappresenta il riconoscimento di un titolo di studio o di un periodo di studio svolto in Romania ai fini del proseguimento degli studi in Italia. Le università, avendo la qualità di istituti autonomi, sono pienamente responsabili al rilascio dei titoli e dei certificati agli studenti. Tali titoli e certificati sono riconosciuti dalle autorità dello stato in questione. Mediante riconoscimento accademico si agevola il proseguimento degli studi in un altro Paese che quello di residenza.
I cittadini romeni oppure stranieri in possesso di un titolo accademico di studio – conseguito in Romania presso un istituto superiore statale oppure privato accreditato – che desiderano ottenere un titolo di studio equivalente al titolo italiano possono avanzare richiesta in tal senso presso un Ateneo, a scelta.
La documentazione da presentare alle segreterie delle università nel cui statuto sia attivato un corso di studio affine a quello completato all’estero è, di solito, la seguente: (Vi consigliamo di metterVi in contatto con la segreteria dell’Ateneo scelto oppure consultate il sito del M.I.U.R.:

a) domanda rivolta al rettore dell’Ateneo;
b) Diploma di Maturità in originale;
c) Diploma di Laurea in originale;
d) Pagella scolastica in originale, rilasciata dall’università;
e) Programmi dei corsi in originale, rilasciati dall’università;
f) tre fotografie (di cui una autenticata per i cittadini extracomunitari residenti all’estero).
I documenti di cui ai punti b), c), d) e e) devono essere tradotti in italiano da un traduttore autorizzato, legalizzati da un notaio pubblico e legalizzati con timbro “apostille” presso la Corte d’Appello (o attualmente dal Tribunale). I documenti di cui ai punti b) e e) dovranno essere corredati dalla dichiarazione di valore rilasciata dalla Rappresentanza Consolare d’Italia che confermi anche l’autenticità dei documenti di cui ai punti d) e e).
I cittadini italiani ed i cittadini comunitari residenti in Romania, ma anche i cittadini romeni in possesso di un permesso di soggiorno concesso dallo stato italiano ai sensi dell’art. 26 della Legge n. 189 del 30/07/2002 possono inoltrare personalmente la documentazione alle segreterie degli Atenei entro il giorno fissato da ciascun Ateneo, a condizione che la documentazione sia corredata dalla Dichiarazione di Valore.
I cittadini romeni residenti in Romania devono inviare la documentazione per il tramite della Rappresentanza Consolare.
I richiedenti inoltreranno i titoli di studio legalizzati in precedenza dalle autorità competenti (Prefettura, Notaio Pubblico, Corte d’Appello ecc.) ma anche l’assicurazione medica comprovando contestualmente l’esistenza dei mezzi economici per la loro manutenzione. La Rappresentanza Consolare invierà la documentazione all’Ateneo indicato dal richiedente. La domanda e la documentazione saranno analizzate dalle autorità accademiche prendendo in considerazione le materie studiate e gli esami sostenuti.

ATTENZIONE:
l’attestazione da parte dell’università di un titolo di studio rilasciato in Romania si riferisce soltanto al valore “accademico” del titolo e non all’eventuale valore abilitante all’esercizio della professione.
I titoli di studio rilasciati in Romania non hanno valore legale in Italia (art. 170 del R. D. n. 1592/1933). Gli articoli 170 e 332 del presente decreto concedono in ogni caso ai titolari dei titoli di studio la possibilità di richiedere l’equipollenza con titoli di studio affini.
In conclusione, i cittadini romeni titolari di vari titoli di studio rilasciati in Romania che desiderano richiedere il riconoscimento in Italia possono in conseguenza sollecitare l’equipollenza accademica presso un Ateneo italiano, a scelta. La domanda sarà rivolta al Rettore. Mediante tale domanda, verrà scelto un corso di studio affine al corso completato in Romania.
Ai sensi della Legge del 11 luglio 2002, n. 148, gli Atenei italiani hanno il diritto di riconoscere i cicli di studio svolti all’estero ed i titoli di studio stranieri ai fini dell’accesso dei cittadini stranieri all’istruzione superiore, del proseguimento degli studi universitari e del conseguimento dei diplomi universitari italiani.

Istituzioni abilitate all’attestazione accademica

Gli Atenei e gli istituti d’istruzione sono abilitati ad analizzare le richieste di riconoscimento dei diplomi degli stranieri che desiderano proseguire gli studi in Italia. Le richieste riceveranno una risposta, prendendo in considerazione gli accordi bilaterali esistenti e le convenzioni internazionali vigenti, entro 90 giorni dalla presentazione della domanda. Nel caso in cui la richiesta è respinta, il richiedente può fare appello al Tribunale Amministrativo Regionale oppure appello straordinario al Presidente della Repubblica, entro 120 giorni dalla presa della decisione.

Gli istituti d’istruzione superiore, a seconda del caso, possono dare esito alle richieste, come segue:

  1. dichiarare l’equipollenza del titolo di studio straniero con quello affine italiano;
  2. garantire il riconoscimento parziale di vari esami, in tal caso il titolare è tenuto a sostenere degli esami integrativi e preparare e discutere la tesi finale.

Il riconoscimento accademico del titolo di studio si conclude con l’emanazione di un decreto rettorale.
Per gli interessati, pubblichiamo l’ELENCO DELLE MIGLIORI UNIVERSITA’ ITALIANE – CIRCA 100, nonché un articolo concernente le università virtuali.

RICONOSCIMENTO PROFESSIONALE

Il riconoscimento professionale rende possibile l’esercizio alla professione in un altro Paese (membro dell’UE), in base al diploma ottenuto nel Paese di residenza. Per quanto riguarda il riconoscimento professionale, dobbiamo fare la distinzione tra professioni regolamentate e professioni oppure qualifiche non regolamentate. Una professione è considerata regolamentata, allorquando il possesso di un diploma oppure di una qualifica professionale rappresenta una condizione legale indispensabile all’esercizio della professione in questione. Nel caso in cui si desideraste ottenere il riconoscimento di un diploma ai fini dell’esercizio di una professione regolamentata in un Paese diverso da quello in cui avete ottenuto la qualifica, dovete conoscere le direttive europee che disciplinano tale aspetto. Le professioni di medico, dentista, infermiere professionale di medicina generale, veterinario, farmacista, ostetrica ed architetto sono regolamentate da direttive che prevedono il riconoscimento automatico dei diplomi, dei certificati nella misura in cui soddisfano le condizioni minimali di formazione stipolate dalla legislazione comunitaria.
Le istituzioni abilitate in Italia al riconoscimento professionale
Ministero di Grazia e Giustizia: per l’attestazione delle qualifiche professionali nei seguenti settori: diritto, business, chimica, agronomia, geologia, ingegneria, psicologia, contabilità, ricerca del suolo, perizia industriale e giornalismo. 
Ministero dell’Industria: per le professioni di consulenza industriale e agenzie di cambio
Ministero dell’Insegnamento, dell’Università e della Ricerca: per le professioni pedagogiche

I documenti occorrenti per i cittadini romeni

1. Il titolo di studio (Diploma, Certificato, Attestato, ecc.) in originale, legalizzato:
▪ dal Ministero sotto la cui autorità è stato rilasciato (Ispettorato Scolastico, Ministero dell’Educazione e della Ricerca, Ministero della Salute ecc.)
▪ con timbro “Apostille”, apposto dall’Istituto del Prefetto ai sensi della Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961)

2. Fotocopia del titolo di studio (legalizzato in precedenza dall’Istituto del Prefetto), legalizzata;
▪ da un Notaio Pubblico
▪ con timbro “Apostille”, apposto dalla Corte d’Appello / Tribunale (Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961).

3. La traduzione in italiano del titolo di studio eseguita da un traduttore autorizzato dal Ministero di Giustizia, legalizzata da un Notaio Pubblico, e con timbro “apostille” dalla Corte d’Appello / Tribunale;

4. Una serie di fotocopie, non legalizzate, tanto dei documenti originali, delle copie legalizzate con timbro “apostille” dalla Corte d’Appello / Tribunale, quanto delle traduzioni in italiano in cui siano leggibili e complete le legalizzazioni delle istituzioni succitate;
Per tutti i titoli di studio che suppongono il compimento di un ciclo di studio precedente (per es.: Diploma di Compimento degli Studi della Scuola Postliceale, Diploma di Laurea, ecc.), verrà presentato anche quel titolo di studio (per es. Diploma di Maturità), con le legalizzazioni e le traduzioni succitate.
Nota: Nel caso della Dichiarazione di valore per il Diploma di Laurea saranno necessari, in modo supplementare, i seguenti documenti:

5. Programmi dei corsi, in originale, legalizzati:
▪ dal Ministero dell’Educazione e della Ricerca (C.N.R.E.D.);
▪ con timbro “Apostille”, dall’Istituto del Prefetto ai sensi della Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961

6. Pagella scolastica, in originale, legalizzata:

▪ dall’Istituto del Prefetto ai sensi della Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961 (saranno accettati anche i documenti legalizzati prima del 1 novembre 2004 dalla Direzione Consolare del Ministero degli Affari Esteri)

7. Le traduzioni in italiano (eseguite da un traduttore autorizzato dal Ministero di Giustizia) tanto della Pagella Scolastica, quanto dei Programmi, legalizzate:

▪ da un Notaio Pubblico;
▪ con timbro “Apostille” dalla Corte d’Appello (Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961).

NOTA: A decorrere dal 10 novembre 2004, il Ministero dell’Educazione e della Ricerca ha decentrato, a livello di Ispettorati Scolastici Distrettuali, il processo di legalizzazione dei titoli di studio rilasciati in Romania per l’istruzione elementare e liceale. Il Ministero dell’Educazione e della Ricerca, per il tramite del Centro Nazionale di Riconoscimento ed Equipollenza dei diplomi continuerà a convalidare solo i titoli di studio ottenuti in seguito al compimento dei corsi d’istruzione superiore.

I documenti occorrenti per i cittadini della Rep. di Moldova


1. Titolo di studio (Attestato di scuola media 10/11 anni, Diploma di Maturità, Diploma di Laurea) in originale, legalizzato dal:
a) Ministero dell’Insegnamento
b) Ministero degli Affari Esteri
2. Fotocopia del titolo di studio originale (legalizzato in precedenza dal Ministero degli Affari Esteri), legalizzata da:
a) Notaio Pubblico
b) Ministero della Giustizia
c) Ministero degli Affari Esteri
3. La traduzione in italiano del Diploma in questione eseguita da un traduttore autorizzato, legalizzata da:
a) Notaio Pubblico
b) Ministero della Giustizia
c) Ministero degli Affari Esteri
4. Fotocopie di tutti i documenti (tanto dei documenti originali, quanto delle fotocopie legalizzate e delle traduzioni in italiano) in cui siano leggibili le legalizzazioni delle istituzioni summenzionate;
5. Per ciascun titolo di studio originale (Attestato di scuola media 10/11 anni, Diploma di Maturità, Diploma di Laurea) legalizzato in precedenza dal Ministero dell’Educazione e del Ministero degli Affari Esteri, si deve ottenere un certificato in originale rilasciato dal Ministero dell’Educazione in cui sia indicato:
a) la durata degli studi (periodo di scolarità)
b) struttura del periodo di scolarità per tutti i tipi di titoli oppure attestati di compimento del ciclo liceale (Maturità, Attestato di Scuola Media ecc.)
Esempio:
- numero degli anni di studio – scuola elementare
- numero degli anni di studio – scuola ginnasiale
- numero degli anni di studio – ciclo medio (liceale)
c) descrizione del sistema di votazione (1 – 10 oppure 1 – 5) indicandosi il voto minimo di promozione;
d) diritto di accesso ad una forma d’istruzione superiore, indicandosi il tipo dell’istituto d’istruzione superiore;
e) diritto all’esercizio di una professione, indicandola, nel caso affermativo;
Il certificato in originale sarà legalizzato dal Ministero degli Affari Esteri;

Ulteriormente, il certificato sarà tradotto in italiano, la traduzione essendo legalizzata da:
a) un Notaio Pubblico
b) il Ministero della Giustizia
c) il Ministero degli Affari Esteri
Per tutti i titoli di studio che suppongono il compimento di corsi di un ciclo di studio precedente (per es.: Diploma di compimento degli studi della Scuola Postliceale, Diploma di Laurea ecc.), verrà presentato anche quel titolo di studio (per es.: Attestato di Compimento degli studi della Scuola Media), con le legalizzazioni e le traduzioni succitate.
Nota: Nel caso particolare dei Diplomi di Compimento degli Studi Accademici (Diploma di Laurea) saranno presentati, in più, la situazione accademica per anni di studio (pagella scolastica) e Programmi dei corsi, legalizzati dal Ministero dell’Insegnamento e del Ministero degli Affari Esteri, corredati da traduzioni in italiano, legalizzate da:
a) un Notaio Pubblico
b) il Ministero della Giustizia
c) il Ministero degli Affari Esteri

L’iter burocratico da espletare per l’ottenimento
della Dichiarazione di Valore

Nel giorno della programmazione al Consolato italiano, i richiedenti devono presentare tutti i documenti, in originale e fotocopia che risultano dal percorrere delle seguenti tappe:
1. ottenimento di un certificato di autenticità dei dati contenuti nel diploma da parte dell’istituzione emittente (per es.: il Liceo che ha rilasciato il titolo di studio)
2. ottenimento del visto sul diploma da parte del Ministero dell’Educazione e della Ricerca, Centro Nazionale di Riconoscimento ed Equipollenza dei Diplomi (C.N.R.E.D.), nel caso dei diplomi accademici, e dagli Ispettorati Scolastici nel caso dei diplomi non accademici;
3. legalizzazione con timbro “apostille” sull’originale da parte dell’Istituto del Prefetto;
4. traduzione del titolo di studio eseguita da un traduttore autorizzato dal Ministero di Giustizia;
5. legalizzazione della traduzione da un Notaio Pubblico;
6. apposizione del timbro “apostille” sulla traduzione dalla Corte d’Appello / Tribunale.

Atti ammessi alla convalidazione dal C.N.R.E.D.


La convalidazione di questi documenti rilasciati da scuole elementari, licei, scuole professionali / di apprendisti, scuole postliceali) verrà fatta soltanto per i possessori dei titoli di studio che partono per lavorare oppure per studiare all’estero.
1. TITOLI (solamente quelli rilasciati dal Ministero dell’Educazione e della Ricerca e dagli Istituti d’Istruzione Superiore Accreditati) – di compimento degli studi (collegio accademico), laurea, master, studi approfonditi, studi postuniversitari, dottorato
Importante: tutti questi diplomi devono essere rilasciati da istituti accreditati, sotto intestazione propria.
2. PAGELLE SCOLASTICHE – solamente per gli studi accademici (allegati ai diplomi); non saranno convalidate situazioni scolastiche rilasciate da istituti d’istruzione private NON ACCREDITATE.
3. PROGRAMMI DEI CORSI- per l’istruzione superiore, solamente accompagnati dal diploma e dalla pagella scolastica e solamente per gli istituti accreditati
Per gli altri titoli di studio dall’istruzione elementare, medio e liceale, il Ministero dell’Educazione e della Ricerca ha decentrato l’attività di convalidazione presso gli Ispettorati Scolastici Distrettuali a partire dal 10 novembre 2004.

Atti necessari alla convalidazione dei titoli di studio dal C.N.R.E.D.


1. Domanda rivolta al ministro dell’Educazione e della Ricerca, mediante cui si sollecita la convalidazione del titolo di studi – la domanda è standard ed è rilasciata previa verifica dei titoli e previo pagamento delle somme dovute;
2. Numero di protocollo dall’Ufficio del Registro (str. Spiru Haret n. 12 - previa verifica della documentazione);
3. Un documento d’identità del titolare del diploma (carta d’identità, certificato di nascita)
Per la convalidazione si presenterà il titolare oppure eccezionalmente si presenterà un mandatario che presenterà:  

  1. una procura speciale (una copia in originale della procura sarà depositata al C.N.R.E.D. )
  2. una fotocopia del documento d’identità del titolare.

Per i cittadini stranieri la convalidazione verrà fatta sia personalmente mediante un certificato comprovante da parte dell’università sia per il tramite degli istituti d’istruzione emittenti.
4. Titoli di studio da convalidare, in originale.
5. Copia del certificato di matrimonio (se si fosse verificato un cambiamento del cognome in seguito al matrimonio)

Programmazione sull’internet -
servizio disponibile inclusivamente per i cittadini
della Repubblica di Moldova


Per le persone fisiche, la programmazione al fine di ottenere la dichiarazione di valore per i titoli di studio rilasciati in Romania sarà fatta esclusivamente mediante Internet, e non mediante presentazione presso gli uffici della Cancelleria Consolare di Bucarest. Le dichiarazioni di valore sono rilasciate in Bucarest soltanto dalla Cancelleria Consolare dell’Ambasciata d’Italia sita in Strada Arhitect Ion Mincu n. 12, sector 1 – tel. 021.223.24.24
Il sito per le programmazioni è il seguente: http://consitalia.dicvalore.finisel.ro    
Così come avvisato, la prossima sessione di programmazioni si terrà il 27 ottobre 2006, ore 10:30

Versione: romana | italiana

harta site



Consultare i recapiti o chiamare ora al n. +40 730 33 70 00 per consulenza iniziale gratuita
apostileromania2010 apostileromania2010

Recomanda unui prieten website-ul Declaratia de valoare-Consultatul Italiei



Click aici Click aici Click aici Click aici

Valid XHTML 1.0 Transitional

Valid CSS!